Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Intervento dell’Ambasciatore d’Italia, Gianluigi Benedetti in occasione della cena di gala per festeggiare i 70 anni di Marposs (Tokyo, 9 novembre 2022)

Gentile Dott. Francesco Possati, membro esecutivo del Board,

Gentile dott. Alessandro Strada, CEO del Gruppo Marposs,

Gentili ospiti,

 

Buonasera e benvenuti nella straordinaria cornice della Residenza d’Italia a Tokyo.

 

Voglio ringraziarvi per essere qui, in concomitanza con la 31ma edizione della Japan International Machine Tool Fair (JIMTOF), la fiera delle macchine utensili, per celebrare questa serata speciale.

 

Oggi, questa cena è dedicata a un anniversario importante: i 70 anni della società Marposs, creata a Bologna grazie all’intuizione di un imprenditore visionario: l’Ingegnere Mario Possati. Lo sottolineo e mi piace ricordarlo guardando Francesco, nipote dell’Ingegner Mario, che oggi insieme ad Alessandro e a altri manager di vertice portano avanti con successo l’eredità del fondatore.

 

Nel 1952 l’Ingegner Possati fu guidato dalla convinzione di dover offrire al cliente un approccio customizzato, con l’idea di stare il più vicino possibile ai propri committenti. Innanzitutto per fornire la migliore assistenza; in secondo luogo per comprenderne le esigenze lavorando nella stessa lingua; infine, e soprattutto, per ideare insieme prodotti nuovi e specifici per le esigenze del tessuto produttivo locale, ma con l’ingegno e la manifattura italiani.

 

È straordinario vedere come quell’idea e quella filosofia produttiva si sia trasformata in Giappone e nel resto del mondo in una solida e importante realtà aziendale con oltre 3.500 dipendenti, presente in cinque continenti.

 

In Giappone, Marposs arrivò nel 1970, subito dopo l’apertura delle filiali in Germania e negli Stati Uniti, e la presenza di tutti voi intorno a questa tavola stasera – a oltre 50 anni da quella decisione aziendale – conferma che quella scelta fu audace, ma certamente determinante per la crescita del gruppo.

 

Del resto, se oggi Marposs è leader mondiale nel settore della progettazione di sistemi di misurazione è anzitutto grazie al successo in Giappone e alle dinamiche e consolidate partnership su cui ha potuto contare e continua a contare in questo Paese.

 

Ma tale successo è anche direttamente collegato alla storia e al DNA del gruppo bolognese, alla sua eccezionale capacità di proporre con successo, su nuovi mercati, un modello produttivo innovativo.

 

Un modello nel quale “ricerca e sviluppo sono la linfa vitale della costante innovazione tecnica e tecnologica che caratterizza la comunità manifatturiera globale di oggi”.

 

Voglio, dunque, concludere dedicando un brindisi ai settant’anni di vita della Marposs e alla collaborazione industriale tra Italia e Giappone che proprio dalla storia di Marposs può prendere ispirazione per espandersi e rafforzarsi in tanti settori nei quali, come in quello in cui primeggia Marposs, la tecnologia e le aziende italiane sono certamente al livello di quelle giapponesi e dove la competizione può lasciare spazio alle partnership in una logica win-win.

 

Lasciamoci ispirare dal coraggio, dalla passione e dalla determinazione dell’Ingegner Mario Possati. Complimenti a Marposs per i primi 70 anni e auguri per molti altri festeggiamenti di traguardi di queste dimensioni!

 

Campai!