Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Intervento dell’Ambasciatore d’Italia, Gianluigi benedetti in occasione dell’evento promozionale della nuova Collezione Furla (Tokyo, venerdì 14 ottobre 2022)

Caro dott. Fabio FUSI, Creative Director di FURLA,

Gentili ospiti, Signore e Signori,

Buon pomeriggio e benvenuti a tutti all’Ambasciata d’Italia!

 

Sono molto lieto di ospitare questo evento dedicato alla presentazione della “Special Lineup Collection” di Furla, nella splendida cornice della Residenza d’Italia a Tokyo!

 

Lasciatemi anzitutto dire che ci tenevamo molto a che la nuova collezione di Furla, iconico e storico brand del Made in Italy, fosse presentata qui da noi oggi.

 

Il Giappone rappresenta infatti per il marchio bolognese, per i suoi fondatori Aldo e Margherita Furlanetto e per la figlia Giovanna, il Paese che molto più di altri ha saputo apprezzare e premiare la scelta lungimirante dell’azienda di approdare qui già negli anni ’90.

 

Oggi, a distanza di 30 anni da quella scelta, possiamo dire a buon diritto che la storia di Furla in questo Paese è una storia di grande successo.

 

Il Giappone non è solo il primo mercato estero – in assoluto – per il brand, con una crescita commerciale continua e costante, nonostante la pandemia.

 

È soprattutto il Paese che, forse più di tutti, ha contribuito e contribuisce ad arricchire la creatività italiana e la brand identity di Furla, combinando Oriente ed Occidente in un mix di gusti e design che ispira i suoi nuovi modelli di borse, calzature, piccola pelletteria ed accessori.

 

Questa caratterizzazione del marchio si è consolidata negli anni, attraverso un percorso che ha visto Furla investire in questo Paese in termini commerciali, aprendo oltre 20 punti vendita, diversificando dal digital al social fino all’e-commerce e creando commistioni culturali ed artistiche.

 

La presentazione quasi 10 anni fa della collezione primavera/estate del 2014 nel suggestivo scenario del Tokyo National Museum e la recente creazione della “Bloom Bag”, progettata come un origami e realizzata in uno speciale tessuto di carta all’insegna della sostenibilità, costituiscono due esempi di come sapienza giapponese e artigianalità italiana sappiano ben sposarsi e dare dei risultati straordinari, definendo nuove tendenze nella moda e nella società.

 

Tengo a concludere questo breve discordo mettendo in evidenza un aspetto che, in qualità di Ambasciatore d’Italia in Giappone, mi piace sempre sottolineare.

 

Furla, nata nel 1927 come piccola impresa a carattere familiare a Tavarnelle Val di Pesa, ha saputo affermarsi sul piano globale come marchio all’avanguardia, tra i più importanti e apprezzati del Made in Italy.

 

Questo successo deriva certamente dalla forza della tradizione. Ma credo che sia anche dovuto all’eccezionale capacità di Furla – come di tante altre aziende italiane – di guardare al futuro, di affrontare e vincere le sfide della competizione internazionale puntando sulla qualità, l’eleganza, il design e l’innovazione.

 

Sono dunque convinto che il Giappone, che per il nostro Paese rappresenta un mercato strategico, continuerà a premiare i bellissimi prodotti di Furla e tutti gli altri nostri brand in misura sempre crescente.

 

Nell’augurare a Furla il miglior successo per la nuova collezione 2023, vi invito ad alzare i calici e a fare un brindisi all’ulteriore successo di Furla, del Made in Italy e della “bellezza”, che è un concetto che – guardando questi meravigliosi prodotti – unisce oggi più che mai Giappone e Italia. Come diceva il grande architetto giapponese Kenzo Tange, “solo ciò che è bello è funzionale” e Italia e Giappone sanno applicare perfettamente questo concetto ai loro meravigliosi prodotti.

 

Campai, Salute!