Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Intervento dell’Ambasciatore d’Italia in Giappone, Gianluigi Benedetti in occasione della presentazione alla stampa della “VI Settimana della Cucina Italiana nel mondo” Tokyo, 19 novembre 2021

Buongiorno a tutti e benvenuti,

Vi ringrazio per essere oggi qui con noi alla presentazione della VI edizione della “Settimana della Cucina Italiana in Giappone”, in programma dal 22 al 28 novembre.

Questa iniziativa è parte di un più ampio programma globale, la “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano in collaborazione con le principali istituzioni e gli enti che rappresentano nel mondo l’enogastronomia italiana e la nostra cucina.

L’eccezionale accoglienza che l’iniziativa ha ricevuto negli anni scorsi e la curiosità che muove gli amici giapponesi alla scoperta della cucina e della tradizione italiana ci ha spinto, anche quest’anno, a celebrare l’enogastronomia italiana con molti eventi e con la realizzazione di un catalogo dei bar, ristoranti e pizzerie che propongono ottima cucina italiana in Giappone.

Gli eventi in programma sono più di 40, organizzati grazie al prezioso contributo di tutti gli attori del Sistema Italia e dei nostri partner: il Consolato Generale a Osaka, gli Uffici ICE ed ENIT a Tokyo, gli Istituti Italiani di Cultura a Tokyo e Osaka, la Camera di Commercio Italiana in Giappone, l’Accademia Italiana della Cucina, l’Associazione dei Cuochi di Cucina Italiana ed i nostri Media Partner: gli amici di Garage Pizza e Dissapore. A tutti loro va il mio ringraziamento.

La settimana della cucina italiana rappresenta uno degli appuntamenti di maggior successo tra le attività promozionali dell’Ambasciata ma è anche un’importante vetrina di promozione dei prodotti agroalimentari e dei vini italiani che ha contribuito a far crescere l’export italiano in particolare negli ultimi due anni e a diffondere sempre di più i nostri eccezionali e in alcuni casi unici prodotti e la nostra cultura alimentare in Giappone.

Il tema centrale di questa sesta edizione della rassegna è quello della sostenibilità alimentare (”Tradizione e prospettive della cucina italiana: consapevolezza e valorizzazione della sostenibilità alimentare”). La Settimana della Cucina italiana diventa così oltre a un’occasione per promuovere l’eccezionale varietà e qualità della nostra cucina, anche l’opportunità per approfondire un tema che è oggi al centro dell’agenda internazionale e che tratteremo nel corso della settimana con Panel e Webinar dedicati alle sfide e alle opportunità della sostenibilità della produzione alimentare.

Prima di passare la parola ai nostri principali partner e presentarvi poi il programma della settimana, tengo particolarmente a presentarvi e a ringraziare due veri Ambasciatori della cucina italiana in Giappone che quest’anno hanno voluto contribuire alle nostre iniziative:

Il primo è lo Chef Antonio Iacoviello, Head Chef di Gucci Osteria da Massimo Bottura di Tokyo, la cui straordinaria cucina io e mia moglie Sabina abbiamo avuto modo di gustare e apprezzare pochi giorni fa. Chef Iacoviello è arrivato in Giappone da poche settimane e già la sua cucina è diventata un punto di riferimento di Tokyo e un argomento di conversazione per la sua capacità di presentare ricette della tradizione italiana rivisitate in chiave innovativa grazie al suo genio, alla capacità di accostare magicamente ingredienti e sapori italiani e giapponesi e alle sue superbe competenze tecniche.

Il secondo e’ lo Chef Hiroki SATO, Mastro panettiere di Donq e autore del libro “Il panettone e il pandoro”, primo libro edito in Giappone sulla storia del panettone tradizionale e sulle tecniche di lievitazione del panettone e pandoro italiano. Lo Chef Sato-San ed i suoi collaboratori vanno in Italia ogni anno per rivitalizzare, in una pasticceria italiana a Badia, vicino Venezia, il lievito madre dell’impasto che utilizzano in Giappone per la preparazione degli ottimi panettoni e pandori artigianali che producono durante tutto l’anno.

A questo punto non mi resta che augurarvi una buona Settimana della cucina italiana e buon appetito!