Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Intervento dell’Ambasciatore d’Italia, Gianluigi Benedetti in occasione del rinnovo del Protocollo di intesa tra Confederazione Agricoltori italiani e Japan Italy Economic Federation – Tokyo, 8 febbraio 2022

Buongiorno a tutti,

sono molto lieto di poter intervenire oggi in occasione del rinnovo del Protocollo di intesa tra due realtà così importanti per l’Italia e il Giappone, la Confederazione italiana Agricoltori e la Japan Italy Economic Federation.

Permettetemi di rivolgere, anzitutto, un caloroso saluto al Presidente Scanavino e al Presidente Di Santo che ringrazio per l’invito a essere qui oggi e per l’organizzazione di questo incontro.

Rivolgo a loro, inoltre, un ringraziamento particolare per la decisione di voler rafforzare – mediante il rinnovo del Protocollo di intesa – il dialogo tra Italia e Giappone sui temi dell’agroalimentare e del settore primario e di voler lavorare insieme per la promozione e la tutela del settore agroalimentare italiano sul mercato giapponese.

Italia e Giappone sono legati da un’amicizia di lunga data e da un partenariato strategico consolidatosi nel tempo. Condividiamo una grande tradizione culturale, abbiamo interessi simili di fronte alle grandi sfide globali, siamo due Paesi con una forte capacita’ manifatturiere di eccellenza in molti settori trainanti delle rispettive economie.

Il nostro interscambio commerciale è robusto e ha resistito anche alle difficoltà legate alla pandemia.

Il 2021 ha fatto registrare un aumento del 14% delle esportazioni italiane in Giappone e del 36% delle esportazioni giapponesi in Italia, con un valore complessivo dell’interscambio pari a 14 miliardi di euro, il 10% in più rispetto al 2020.

Il comparto agroalimentare è uno dei settori di punta del nostro export in Giappone: copre circa il 10% delle esportazioni italiane e conferma nel 2021 il trend positivo complessivamente registrato segnando una crescita di quasi 13 punti percentuali rispetto al 2020.

I due sistemi, quello italiano e giapponese, hanno dato prova di saper reagire e affrontare le sfide del nostro tempo e ci sono, ne sono convinto, tutti i presupposti per immaginare un futuro in cui il nostro partenariato sia ancora più forte e ricco di collaborazioni.

Occorre, tuttavia, uno sforzo comune e condiviso per definire linee di azioni che possano assicurare nel medio-lungo termine il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi obiettivi, non solo con riguardo alla crescita delle nostre esportazioni nel settore agroalimentare, ma anche sotto il profilo della tutela dei prodotti italiani di origine controllata e protetta, la valorizzazione del settore primario, l’incremento della competitività delle imprese agricole italiane sul mercato giapponese, la promozione di un’agricoltura sostenibile.

In questa prospettiva, permettetemi anche di sottolineare l’importanza che può avere la collaborazione bilaterale nei settori tecnologici e dell’innovazione. Da questo punto di vista, collaborazioni nel settore del Foodtech potrebbero essere utilmente esplorate per individuare nuove sinergie e nuove opportunità di intese con gli amici giapponesi. In tale senso, la partecipazione italiana ad EXPO Osaka 2025, di cui l’agroalimentare sara’ uno dei pilastri fondamentali, rappresentera’ una straordinaria opportunita’ per le nostre aziende del settore.

Concludo ringraziandovi per il lavoro finora realizzato nell’ambito di questo Protocollo d’Intesa e colgo l’occasione per assicurare il mio personale sostegno e quello dell’Ambasciata per le iniziative che verranno messe in cantiere nel corso dell’anno appena iniziato e negli anni a venire, per le quali formulo i miei migliori auguri di pieno successo.

Grazie a tutti.