Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L'arte contemporanea italiana in Giappone: Luca Vitone e il recupero della cultura popolare

Data:

04/12/2020


L'arte contemporanea italiana in Giappone: Luca Vitone e il recupero della cultura popolare

In occasione della Giornata del Contemporaneo organizzata da MAECI, MIBACT e AMACI, l'Ambasciata di Italia a Tokyo presenta online l'opera Trallallero (Nêutte a Bocadàze) dell'artista Luca Vitone, realizzata originariamente in occasione della mostra personale "Io, Luca Vitone" a cura di Luca Lo Pinto e Diego Sileo (ospitata presso il PAC – Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano durante la 13a Giornata del Contemporaneo). Il video della performance sarà introdotto da un racconto virtuale pensato per il pubblico giapponese dove Vitone ripercorre il suo percorso artistico di recupero della cultura popolare in ottica contemporanea. Verranno in particolar modo illustrate le tradizioni liguri dei canti urbani.

"In Giappone l'arte e la cultura italiane sono profondamente apprezzate e formano oggetto, di generazione in generazione, di studi e approfondimenti di grande spessore scientifico" - afferma l’Ambasciatore Giorgio Starace. "Con la Giornata del Contemporaneo desideriamo portare in scena in Giappone alcune tra le più rappresentative eccellenze del nostro Paese".
L'artista Luca Vitone ha commentato: "Le attività del MIBACT e del MAECI si fanno sempre più interessanti. Con la nascita della Giornata del Contemporaneo per iniziativa di AMACI, l'istituzione dell'Italian Council e il coinvolgimento sempre maggiore delle Ambasciate e degli Istituti Italiani di Cultura all'estero, si evidenzia come la diffusione delle arti visive contemporanee sia importante per la costruzione di un'immagine culturale del Paese. Una modalità che andrà diffusa sempre di più nel prossimo futuro".

Il video di presentazione dell'opera di Luca Vitone sarà diffuso sui canali social dell’Ambasciata di Italia a Tokyo.


975