Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Settimana della Cucina Italiana in Giappone: l’Ambasciatore Benedetti visita la mostra fotografica “TuorloBlue”

WhatsApp Image 2022-11-16 at 15.51.03

L’ Ambasciatore Benedetti ha visitato oggi presso l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo la mostra fotografica “TuorloBlue” realizzata da Andrea Pompili e Ryan Bruss. La mostra si inserisce nel quadro degli eventi organizzati per celebrare la VII ed. della Settimana della Cucina Italiana in Giappone e restera’ in esposizione fino al 25 novembre prossimo.

“TuorloBlue” è un progetto artistico-gastronomico realizzato da Andrea Pompili, architetto e art director italiana, e Ryan Bruss, fotografo e artista statunitense.
La scelta del titolo non è casuale: l’immagine di un semplice tuorlo evoca l’inizio di una nuova vita, ma può essere visto e trasfigurato come un sole nascente, il Giappone, dove questo progetto è nato. Il colore blu, invece, richiama gli elementi naturali: acqua e aria, il mare ed il cielo.

I cinque scatti selezionati esplorano e trasformano altrettanti cibi e ingredienti nel colore, nella forma e negli accostamenti arditi con altri ingredienti. Di questi fa parte il konnyaku, che si ricava dalla radice della pianta Amorphophallus konjac, usata spesso nella cucina giapponese.

Il cibo cambia forma e diviene arte innovativa nel segno della sostenibilità, un valore molto attuale che spinge a riscoprire la cucina nel suo legame con la natura: ciascun ingrediente infatti è legato ad una stagione e tramite la lente del fotografo assume colori, trame, consistenze e trasparenze inedite, un’esplosione visiva ed emozionale che lega bellezza e gusto.

Ma “TuorloBlue” è anche un ricettario nel senso classico del termine: ogni piatto è spiegato nei suoi passaggi con immagini costruite in 3D, secondo un linguaggio architettonico fatto di pianta, alzato e vista assonometrica in bianco e nero, in antitesi all’aspetto artistico – fotografico, coloratissimo, dei singoli piatti.
Un’esperienza visiva, tutta da gustare.