Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Iscrizione all’AIRE: sanzioni

WhatsApp Image 2024-01-23 at 11.29.00

L’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) è stata istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470. Essa è gestita dai Comuni sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero.
L’iscrizione all’AIRE è un diritto-dovere del cittadino (art. 6, L. 470/1988) e costituisce il presupposto per usufruire dei servizi consolari forniti dalle Rappresentanze all’estero.

La Legge di bilancio 2024 (art. 1, comma 242) ha introdotto un’importante novità per chi vive all’estero. Se risiedi stabilmente all’estero e non ti iscrivi all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) entro 90 giorni dalla data del tuo trasferimento vai incontro a una sanzione amministrativa fino a 1.000 euro per ogni anno di mancata iscrizione.

Cosa vuol dire “risiedere stabilmente all’estero”?

Significa che hai deciso di vivere in un Paese estero (anche se dell’Unione europea) per un periodo più lungo di dodici mesi.

Cosa succede se risiedi già all’estero ma non ti sei mai iscritto all’AIRE prima?

Le sanzioni amministrative non sono retroattive, ma se vivi all’estero e non sei ancora iscritto all’AIRE, ti invitiamo a regolarizzare subito la tua situazione.

Come ci si iscrive all’AIRE?

In questa pagina trovi tutte le indicazioni.