Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Divorzio e trascrizione di sentenze di divorzio

Divorzio

Se sei iscritto all’A.I.R.E. o lo eri all’epoca della pronuncia della sentenza di divorzio, puoi richiedere di far registrare in Italia una sentenza di divorzio giapponese.

La sentenza sara’ inviata per la trascrizione al Comune d’iscrizione Aire (Comune d’ultima residenza in Italia). Tuttavia, se il matrimonio era stato celebrato in un Comune in Italia, la sentenza di divorzio sara’ inviata a quel Comune.

Per la richiesta di trascrizione della sentenza segui questi passi:

STEP 1 – Preparazione dei documenti

Raccogli i seguenti documenti:

  • sentenza integrale, passata in giudicato (in originale) 確定判決のついた調書 (kakutei hanketsu no tsuita chōsho);
  • registro di famiglia (戸籍謄本 koseki tōhon) rilasciato dal Comune giapponese da non piu’ di tre mesi dove sia registrato il divorzio del coniuge giapponese. Entrambi i documenti devono essere corredati di “Apostille” rilasciata dal Ministero degli Esteri Giapponese (vai alla pagina cliccando qui)
  • modulo di richiesta di trascrizione del divorzio firmato dal cittadino italiano;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio;
  • traduzione in italiano dell’atto di divorzio e del registro di famiglia effettuata da un traduttore di riferimento dell’Ambasciata. Consulta qui l’elenco dei traduttori di riferimento
  • copia del tuo passaporto in corso di validita’.

STEP 2 – Verifica dei documenti

Invia tutta la documentazione alla Cancelleria consolare per posta tramite Letter Pack (acquistabile in un qualsiasi ufficio postale) all’indirizzo:

EMBASSY OF ITALY IN TOKYO

Consular Division

2-5-4 Mita, Minato-ku

108-8302 TOKYO (Japan)

In alternativa puoi lasciare la documentazione nella cassetta postale all’ingresso dell’Ambasciata negli orari di apertura al pubblico.

STEP 3 – Invio dell’atto al Comune

Il nostro personale esaminerà la documentazione e se e’ corretta e completa trasmettera’ al Comune la sentenza di divorzio per la trascrizione.

Ti contatteremo solo se la documentazione non dovesse essere completa o corretta.

Attenzione! I documenti originali non saranno restituiti, ma resteranno agli atti nel nostro archivio consolare.

Informazioni sulla procedura di divorzio in Giappone

In Giappone non esiste l’istituto giuridico della separazione legale e la normativa giapponese prevede due diverse modalita’ di divorzio:

DIVORZIO CONSENSUALE presso il Comune Giapponese (協議離婚 kyōgi rikon)

La richiesta viene presentata da entrambi i coniugi all’Ufficio Anagrafe del Comune giapponese di residenza degli interessati. Il Comune rilascia un “certificato d’accettazione della denuncia di divorzio consensuale”. Il divorzio viene annotato nel Registro di Famiglia (koseki tōhon).

Poiche’ questa procedura non e’ del tutto conforme a quanto previsto dall’ordinamento italiano, non è possibile garantire che il “certificato d’accettazione della denuncia di divorzio consensuale” venga trascritto dal Comune italiano. E’ dunque consigliabile procedere con un divorzio presso un Tribunale Familiare che possa emettere una sentenza passata in giudicato.

DIVORZIO NON CONSENSUALE presso il Tribunale Familiare (家庭裁判所での離婚 katei saibansho deno rikon).

In caso di divorzio non consensuale si ricorre al Tribunale Familiare(家庭裁判所 katei saibansho) dove, dopo un intervento di conciliazione fra i coniugi e senza l’ausilio di avvocati, viene rilasciato un Verbale conclusivo (調書 chōsho) che ha valore di sentenza definitiva che sarà annotata nel Registro di famiglia del coniuge giapponese.

Nel caso in cui l’intervento del giudice conciliatore fallisca ci si rivolge alla Corte Distrettuale dove verrà pronunciata una sentenza che, divenuta definitiva, sarà annotata nel registro di famiglia degli interessati.