Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Trascrizione atti di morte

Trascrizione atti di morte

L’atto di morte di un cittadino italiano deceduto in Giappone deve essere trascritto nei registri dello stato civile del Comune italiano.

STEP 1 – Raccogli i seguenti documenti:

  • atto di morte 死亡届受理証明書 (shibō todoke juri shōmeisho), rilasciato dal Comune giapponese e legalizzato con APOSTILLE rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri giapponese. Vai alla pagina cliccando qui

L’atto deve essere in originale, non si accettano fotocopie.

  • traduzione in italiano dell’atto di morte. Consulta qui l’elenco dei traduttori di riferimento;
  • modulo per la richiesta di trascrizione compilato e firmato;
  • documentazione che comprova il possesso della cittadinanza italiana del defunto (es. passaporto italiano, carta d’identità o certificato di cittadinanza italiana).

Attenzione! Se il decesso e’ avvenuto all’estero, ma in un Paese diverso dal Giappone devi richiedere il certificato di morte integrale in originaleall’Autorità competente per il luogo di nascita. L’atto deve essere munito di legalizzazione (Apostille dell’Aja o equivalente) e di traduzione ufficiale in italiano. Per maggiori informazioni consulta il sito del Consolato italiano competente.

TROVA IL TUO CONSOLATO:

STEP 2 – Verifica dei documenti

Invia tutta la documentazione alla Cancelleria consolare per posta tramite Letter Pack (acquistabile in un qualsiasi ufficio postale) all’indirizzo:

EMBASSY OF ITALY IN TOKYO

Consular Division

2-5-4 Mita, Minato-ku

108-8302 TOKYO (Japan)

In alternativa puoi lasciare la documentazione nella cassetta postale all’ingresso dell’Ambasciata negli orari di apertura al pubblico.

STEP 3 – Invio dell’atto al Comune

Il nostro personale esaminerà la documentazione e se e’ corretta e completa trasmettera’ al Comune l’atto di morte per la trascrizione.

Ti contatteremo solo se la documentazione non dovesse essere completa o corretta.

Attenzione! I certificati originali non saranno restituiti, ma resteranno agli atti nel nostro archivio consolare.