Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Elenco dei professionisti di riferimento

Fino al 30 novembre 2022 è in corso l’aggiornamento dell’elenco dei professionisti che operano nella circoscrizione consolare di Tokyo.

Su richiesta degli interessati e previa verifica dei requisiti per l’iscrizione, i recapiti dei professionisti saranno raccolti in un elenco messo a disposizione dell’utenza consolare. Le categorie interessate sono le seguenti:

  • Avvocati, commercialisti e notai
  • Medici
  • Tecnici (ingegneri, architetti…)
  • Traduttori e interpreti

I recapiti dei richiedenti saranno inseriti nell’elenco in ordine alfabetico senza alcuna valutazione di merito, a titolo informativo e non esaustivo. Gli utenti saranno liberi, a propria discrezione, di rivolgersi al professionista che riterranno più opportuno.

L’Ambasciata non sottopone a verifica l’attività dei professionisti iscritti, né risponde per il loro operato. L’Ambasciata non assume alcuna responsabilità sugli esiti dei rapporti che saranno instaurati esclusivamente in via diretta e privatistica. L’Ambasciata declina ogni responsabilità dai danni derivanti da imprecisioni od omissioni nei dati personali forniti dai professionisti.

 

PER REGISTRARSI

I professionisti che intendono essere inseriti nell’elenco dovranno inviare apposita richiesta, con firma autografa, entro il 30 novembre all’indirizzo: consular.tokyo@esteri.it corredandola di:

  1. fotocopia del documento di identità;
  2. curriculum professionale in italiano o in inglese;
  3. autocertificazione (scarica qui il modello) delle seguenti:
    1. area prevalente della propria attività;
    2. abilitazione all’esercizio della professione in Giappone;
    3. grado di conoscenza delle lingue italiana e/o giapponese e/o inglese e/o altre;
    4. non aver subito condanne penali e non avere procedimenti penali in corso.

L’elenco verrà aggiornato con cadenza semestrale.

 

REQUISITI SPECIFICI

Avvocati, commercialisti e notai

In aggiunta alla documentazione di cui sopra, si richiede:

  1. autocertificazione del conseguimento della laurea;
  2. autocertificazione circa l’abilitazione all’esercizio della professione in Giappone, compresa la possibilità di rappresentare il cliente nei tribunali giapponesi;
  3. eventuali rapporti di associazione o di strutturata collaborazione con studi legali italiani.

Traduttori e interpreti

Si fa presente che, in base alla documentazione prodotta potrebbe essere richiesto anche un colloquio in entrambe le lingue.

  • Per i professionisti italiani si richiede:
  1. Conseguimento del Japanese Language Proficiency Test 1 ( https://www.jlpt.jp/) o di un certificato di lingua con livello equivalente a C2 (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) o di un diploma di laurea magistrale in Lingua e letteratura giapponese presso un’università italiana o di un diploma di laurea quadriennale, in qualsiasi ambito, in lingua giapponese;
  2. giuramento presso un notaio locale con “Apostille”, nel quale si dichiara la capacità di tradurre nelle lingue italiana e giapponese;
  • Per i professionisti stranieri si richiede:
  1. Conseguimento del LivelloCILSQUATTRO-C2 (https://www.iictokyo.com/certi/) o di un c di lingua con livello equivalente a C2 (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) o di un diploma di laurea magistrale in Lingua e letteratura italiana conseguita presso un’università giapponese o di un diploma di laurea magistrale (o quadriennale del vecchio ordinamento), in qualsiasi ambito, in lingua italiana;
  2. giuramento presso un notaio locale con “Apostille”, nel quale si dichiara la capacità di tradurre nelle lingue italiana e giapponese;
  • Per i professionisti che traducono anche nella lingua inglese si richiede:
  1. Conseguimento di un certificato di lingua con livello equivalente a C2 (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue);

giuramento presso un notaio locale con “Apostille” nel quale si dichiara la capacità di tradurre nelle lingue giapponese, italiana e inglese.